Tomatenteler bestrijdt met succes algen, bacteriën en biofilm - Ultramins


Ultramins



Un coltivatore di pomodori combatte con successo alghe, batteri e biofilm

Tomatenteler bestrijdt met succes algen, bacteriën en biofilm

"L'interno del tubo era così pulito che ho inviato comunque una foto".

Un coltivatore di pomodori combatte con successo alghe, batteri e biofilm

Tholen - Lo scorso autunno, il coltivatore di pomodori Frank Dekker ha deciso di iniziare la prossima stagione un po' più tardi. Il raccolto attuale è stato prolungato fino a dicembre. Di conseguenza, gennaio è diventato il mese della rotazione delle colture presso Dekker Glascultures.

La strategia di coltivazione modificata permette di avere un po' più di tempo per la pulizia accurata della serra. Un recente incidente, in cui si è rotto un pezzo di tubo dell'acqua, ha fatto sorridere il coltivatore. "L'interno del tubo era così pulito che ho mandato comunque una foto a Robert", racconta.

Sistema completo
Quel Robert, è Robert de Hoo dell'Ultramins. Dal marzo 2021, Dekker Glascultures lavora con i trasmettitori a ultrasuoni USAF di Ultramins nel bacino idrico e nel magazzino diurno. In entrambi i luoghi, l'applicazione degli ultrasuoni assicura che l'acqua rimanga pulita. Il trasmettitore viene appeso nel silo o nel bacino e produce ultrasuoni che causano cavitazione. Ciò crea onde di pressione che uccidono le alghe e altri microrganismi. Inoltre, Frank somministra il perossido di idrogeno. "Questo impedisce allo sporco di aderire alle pareti del PVC", spiega.

Dekker Glascultures è arrivata in anticipo ed è stato il primo coltivatore a ricevere il sistema completo di Ultramins. "Il riscaldatore che usiamo per disinfettare l'acqua di scarico si è rotto. A quel punto abbiamo iniziato a cercare qualcos'altro". Il sistema Ultramins, in combinazione con il perossido di idrogeno, è diventato così il sistema Ultramins. "Anche questo è importante per me. Grazie a questa combinazione, ho cambiato idea".

Foto autunno 2021: Anche Dekker Glascultures ha un trasmettitore USAF nello scarico, ma il coltivatore non usa ancora l'acqua di scarico, come sa Robert. Pertanto, il coltivatore utilizza il trasmettitore nel suo laghetto (privato) con carpe koi.

Bacino pulito
Grazie alla combinazione di perossido di idrogeno e ultrasuoni, il coltivatore non soffre più di biofilm. "Sostituiamo i tubi di gocciolamento durante i cambi di coltura, ma non gli altri tubi. Ora che si è rotto un pezzo di un tubo che era lì da 20 anni, si può ben vedere che funziona".

Non che il coltivatore non faccia eseguire dei test. In una fase precedente, le analisi di laboratorio dell'acqua hanno dimostrato l'operazione e una speciale telecamera è stata utilizzata per Come funzionano gli ultrasuoni. Dopo tutto, gli esseri umani non possono vedere a occhio nudo le onde sonore emesse dai trasmettitori. Tuttavia, una volta che il bacino di Frank è rimasto pulito, e visibilmente più pulito di altri bacini senza tecnologia Ultramins, si è convinto del tutto.

Radici pazze al passato
In passato, tra i problemi del coltivatore c'erano le alghe. Quasi ogni giorno, soprattutto in estate, era necessario pulire i filtri fini delle pompe. "Ora li togliamo una volta ogni sei settimane per vedere se è ancora tutto pulito. In realtà è sempre così. Lo indicano anche i parametri che monitoriamo, ma ogni tanto è bene dare un'occhiata di persona". Lo stesso vale per i tubi di sgocciolamento. "Ogni tanto, durante la stagione, svitiamo il tubo di sgocciolamento per verificare l'eventuale presenza di contaminazione con un dito nel tubo stesso".

L'abbondante crescita di alghe nell'acqua del coltivatore di pomodori appartiene al passato. "Questo poteva causare ostruzioni e, di conseguenza, gli agrobatteri potevano crescere in modo significativo". A volte il coltivatore soffriva di radici impazzite. "Abbiamo provato ogni tipo di soluzione, come molti altri coltivatori. Tuttavia, con la combinazione di ultrasuoni e perossido di idrogeno con cui lavoriamo ora, tutto rimane pulito".

"Non potrebbe essere più pulito di adesso".
La rotazione delle colture è il momento in cui i coltivatori puliscono l'intera serra. Con una pressione leggermente inferiore sul bollitore a causa di un programma di coltivazione modificato, quest'anno Dekker Glascultures lo fa con il proprio personale. Anche se tutto rimane così pulito, anche il sistema idrico riceve una bella scossa. "La combinazione con cui lavoriamo ora ci toglie la pressione. C'è molto meno inquinamento. Questo è un bene per i nostri filtri e sistemi. Non c'è niente di più pulito di questo".

Per maggiori informazioni:

Ultramins
De Corantijn 87a
1689 AN Zwaag
+31 (0) 620 536 536
+31(0) 85 023 10 97
info@ultramins.com
www.ultramins.com